ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
26.02.2019 - 14:510

"L'esercito ha dovuto agire con trasparenza". Niente pene ma per il padre va bene

Era stato lui a portare in tv il video del figlio che veniva bersagliato da un lancio di noci (e forse sassi). La Giustizia Militare ha optato per dei non luogo a procedere

EMMEN – Anche se non vi saranno ulteriori sanzioni, il padre della recluta ticinese vittima a Emmen di quello che in molti avevano definito nonnismo, è contento: “Mi ritengo soddisfatto perché l’esercito ha dovuto applicare l’esercizio della trasparenza”, ha detto alla RSI.

Era stato proprio lui, con un video, a scatenare il caso. Il figlio, di stanza a Emmen, era stato fatto oggetto di un lancio di noci (e forse anche sassi) che pareva realmente un’esecuzione di fronte a un plotone, per come era stata creata. E il filmato era divenuto presto virale.

Si erano mossi i vertici dell’esercito, tra chi accusava e chi, anche tra i commilitoni, difendevano l’operato del sergente, che aveva ordinato il “gioco”. Egli era stato condannato a cinque giorni di carcere, non scontati del tutto.

Per la Giustizia Militare può bastare così, e nei suoi confronti e in quelli di altri sottoufficiali.

Potrebbe interessarti anche
Tags
stato
esercito
trasparenza
padre
emmen
giustizia
figlio
video
lancio
militare
© 2022 , All rights reserved