ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
25.04.2022 - 16:100

Forse slitta la decisione sulle sanzioni UE alla Russia. Intanto Putin e Zelensky scrivono a Macron

Il tema non è in agenda nella riunione degli ambasciatori dell'Unione Europea di mercoledì. La Germania non pare essere favorevole al blocco del petrolio, il cancelliere Scholz:"L'embargo non fermerebbe la guerra"

BRUXELLES - Si è fatto un gran parlare delle sanzioni che l'UE vorrebbe imporre alla Russia, ma a quanto pare non verranno decise immediatamente. La discussione potrebbe slittare addirittura alla prossima settimana. Il tema non è sul tavolo della riunione degli ambasciatori dell'Unione Europea in agenda mercoledì, anche se non sono da escludere accelerazioni dell'ultimo minuto.

La Germania: "Viene detto che non si sta parlando di soldi ma non si dimentichi che scoppierebbe una crisi economica grave"

Non pare comunque esserci una concordia unanime sulle sanzioni, soprattutto su quelle che riguardano il petrolio. Non è un mistero che la Germania sia contraria.“Non credo che l’embargo sul gas russo fermerebbe la guerra. Se Putin fosse sensibile ad argomenti economici, non avrebbe mai iniziato questa folle guerra. In secondo luogo, ci si comporta come se parlassimo di soldi. Ma si parla di evitare una grave crisi economica, la perdita di milioni di posti di lavoro e la chiusura di fabbriche che non riaprirebbero mai più”, ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

La Russia continua a guadagnare 800 milioni al giorno dal gas venduto all'Europa e l'Ucraina chiede che il flusso di soldi si fermi. Ma per molti paesi, Germania in testa, trovare una alternativa sostenibile non è evidente e rapido. Un lavoro che i tedeschi avrebbero dovuto avviare anni fa, sostiene ancora il cancelliere: “In caso di emergenza, la Germania avrebbe dovuto finanziare terminal di gas liquido e infrastrutture di importazione per le raffinerie di petrolio della Germania dell’est, e questo anche se non fosse stato economicamente conveniente”.

Russia e Ucraina si congratulano con Macron

Intanto, Macron è stato ufficialmente rieletto come presidente francese col 58% dei voti. Curioso che sia la Russia che l'Ucraina si siano congratulate con lui.  “Vi auguro sinceramente successo nella vostra azione pubblica e anche buona salute e prosperità”, le parole, scarne, di Putin. Macron è sempre stato a favore di negoziati e discussioni con la Russia. Al momento i colloqui di pace stanno vivendo una stasi e il messaggio del presidente russo, seppur stringato e neutro, ha un suo significato.

Anche l'omologo ucraino Zelensky si era fatto sentire:  “Felicitazioni a Emmanuel Macron, un vero amico dell’Ucraina. Gli auguro nuovi successi per il bene del popolo francese. Apprezzo il suo sostegno e sono convinto che insieme avanzeremo verso nuove vittorie comuni. Verso un’Europa forte e unita”.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
putin
sanzioni
macron
zelensky
russia
ue
sanzioni ue
germania
cancelliere
petrolio
© 2022 , All rights reserved