ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
25.05.2022 - 08:290

Strage alle elementari in Texas: i bambini uccisi sono 19. Biden: "Agire contro la lobby delle armi"

Il killer 18enne aveva postato su Instagram una foto con due fucili semiautomatici, con il caricatore innestato. Le vittime sono in tutto 21

WASHINGTON – Nella notte si è aggravato il bilancio della strage alla scuola elementare di Uvalde, cittadina rurale del Texas (LEGGI QUI): i morti sono in tutto 21, di cui 19 bambini, un insegnante e il killer stesso, ucciso dalla polizia. Il 18enne Salvador Ramos (nella foto) e aveva frequentato la stessa scuola elementare dove ha compiuto la carneficina, sparando alla cieca su bambini tra i 7 e i 10 anni.

Quattro giorni fa aveva postato su Instagram una foto con due fucili semiautomatici, con il caricatore innestato. Sul suo account, bloccato non appena è stato diffuso il suo nome, aveva anche pubblicato un messaggio “sto per..”, inviato alle 5.43 del mattino di martedì. Una ragazza gli aveva risposto: “cosa?”, e lui le “te lo dirò prima delle 11”. Qualche giorno fa aveva inviato a foto di armi e munizioni a un suo ex compagno di classe, che lo ha riferito alla Cnn: “Mi ha mandato una foto di un Ar che stava usando con delle munizioni”, ha detto, aggiungendo che il killer veniva deriso da altri studenti del liceo per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della sua famiglia. Lavorava da Wendy’s, catena di ristoranti americana con un punto vendita non lontano dal luogo della strage. “Era un tipo silenzioso, non diceva molto e non socializzava con altri dipendenti”, ha raccontato il manager del locale Adrian Mendes.

In dieci anni negli Usa ci sono state oltre 900 sparatorie nelle scuole. “Sono passati 3.448 giorni, 10 anni, da quando sono andato in una scuola del Connecticut, una scuola elementare, dove un altro uomo armato massacrò 26 persone, di cui 20 scolari, alla Sandy Hook Elementary School. Da allora ci sono state oltre 900 sparatorie nelle scuole e la lista cresce quando si includono sparatorie in luoghi come teatri, chiese, o 10 giorni fa un negozio di Buffalo”. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, nel suo discorso alla nazione.

“Sono stanco, dobbiamo agire sulle armi - ha aggiunto -. L'idea che un 18enne possa entrare in un negozio e acquistare un fucile è sbagliata. Perché queste sparatorie non accadono in altre parti del mondo? Perché vogliamo vivere con queste carneficine? È il momento di trasformare il dolore in azione e agire sulle armi. Come nazione dobbiamo chiederci, in nome di Dio, quando ci opporremo alla lobby delle armi”.

Gli ha fatto eco l'ex presidente Barack Obama: “Il nostro Paese è paralizzato non dalla paura ma da una lobby delle armi e da un partito politico che non hanno mostrato alcuna volontà di agire per prevenire queste tragedie. Io e Michelle siamo a fianco delle famiglie di Uvalde. Ma siamo anche arrabbiati. È scaduto il tempo per agire, per qualsiasi tipo di azione”.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
lobby
strage
armi
ar
foto
bambini
biden
texas
18enne
killer
© 2022 , All rights reserved