ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
14.08.2022 - 14:180

Vacanze truffa a Rimini, la beffa e le avances su WhatsApp: "Vuole il rimborso? Venga in Irlanda da sola"

Storia di una maxi truffa: sigilli all'hotel di Rimini. Intanto, il re della truffa si diverte "in piscina a bere gin tonic"

RIMINI – Sta facendo il giro del web la storia assurda e incredibile che arriva da Rimini e precisamente dall’hotel Gobbi. Ma serve fare un passo indietro per capire bene il perché il due stelle in riviera romagnola. La struttura è stata chiusa qualche giorno fa dalle forze dell’ordine per violazione delle norme antincendio. L’Hotel è finito al centro delle cronache per una maxi truffa che ha rovinato le vacanze a centinaia di turisti. Camere disponibili: 40. Prenotazioni registrate: 500. Dicasi overbooking, in gergo. Peccato che la direzione dell’hotel Gobbi i soldi della prenotazione li voleva in anticipo.

In rete circolano innumerevoli testimonianze, come quella di Francesca, cliente truffata che ha preso il telefono e avviato una chat WhatsApp con il titolare. “Buonasera – scrive lei –, sono Francesca Motta. Ho sentito delle truffe del vostro hotel. Esigo riavere immediatamente i soldi versati e i danni per la vacanza rovinata”.

“Avrà anche saputo che sono in Irlanda a bere un gin tonic”. Sì, è la risposta che la donna truffata ha ricevuto dal truffatore. “Scusi?”, chiede lei incredula. “Ho una buona e una cattiva notizia. La prima è che la vacanza è salva, la seconda è che meta e compagnia sono diverse. La invito con me in Irlanda a bere, in piscina. Da sola, non porti i suoi figli”. Firmato Marco.

Quello ‘scherzetto’ a Francesca è costato 1’080 euro per una settimana. “I risparmi di un anno di lavoro. Avevo prenotato su Booking, ma per un disguido mi è stato chiesto di contattare direttamente l’hotel. L’unica condizione: pagamento anticipato. Un gruppo Facebook è stato creato ad hoc per raccogliere le testimonianze degli oltre seicento membri. Il modus operandi risulta sempre lo stesso attuato con Francesca. A qualcuno è anche stato detto che si era ‘persa’ la caparra.

Lì, a Rimini davanti all’Hotel Gobbi, alcuni clienti continuano ad arrivare. Valigie in mano e sorrisi che presto lasceranno il posto a rabbia e lacrime. C’è solo una certezza: i soldi sono spariti e quello che dovrebbe essere il titolare si prende gioco di persone che con fatica hanno accumulato soldi per andare in vacanza.

Tags
vacanze
whatsapp
hotel
truffa
rimini
irlanda
tonic
storia
gin tonic
soldi
© 2022 , All rights reserved