ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
02.12.2022 - 18:200

"Il lupo ormai è assuefatto all'odore del sangue umano: è pericoloso non solo per gli animali"

L'Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta l'uccisione di un esemplare a Acquarossa, invitando a non sottovalutare la problematica

BELLINZONA - Un problema da non sottovalutare, anche perchè non è affatto detto che i lupi non siano pericolosi per l'uomo (prova ne è quello che è stato visto attraversare la strada a Bodio qualche giorno fa...). Lo ha detto spesso e lo ribadisce, sottolineando i rischi anche per l'essere umano, l'Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori, che commenta in una nota stampa l'abbattimento di un esemplare a Acquarossa.

"Innanzitutto è giusto dare atto alla direzione del Dipartimento del Territorio di essersi attivata in modo celere e deciso, pur nel rispetto delle leggi in vigore, portando a termine il suo compito. È la prima volta che succede e speriamo che, come da noi richiesto già durante la scorsa estate, si possa continuare con le stesse modalità", si legge: in effetti, il Governo era stato accusato più volte da ATPdaiGP di non fare nulla per risolvere la problematica del  lupo. Non basta, però: "Auspichiamo quindi che con la stessa coerenza e determinazione si affronti l’abbattimento del lupo M187 e gli altri casi già segnalati a più riprese".

L'uccisione, seppur singola, del giovane lupo è un primo passo e non è vero che non cambierà nulla, secondo APTdaiGP. "Si tratta di un esemplare che stava imparando come sia più proficuo, in rapporto a “costi e benefici”, cibarsi di animali domestici sul fondovalle piuttosto che inseguire selvatici sulle montagne. E tale comportamento l’avrebbe poi ripetuto in futuro e trasmesso ai suoi discendenti".

"Da ricordare pure a chi è sensibile al benessere animale che questo lupo non ha sofferto mentre gli oltre 280 animali domestici che sono stati predati durante questo infausto 2022 non hanno avuto il medesimo trattamento: il terrore, i morsi, le sofferenze e l’agonia, spesso durate anche ore, possono solo essere immaginate. Non è infatti vero che il lupo si limita ad afferrare la preda al collo e in pochi secondi è morta. Niente gli vieta - e basta scorrere dei filmati di predazioni non limitandosi a documentari edulcorati per rendersene conto - di cibarsi delle loro vittime mentre sono ancora vive", prosegue la nota.

I lupi possono essere pericolosi non solo per gli animali: "Che sia stato ucciso davanti a una stalla non lontano dall’abitato di Aquila non è un caso. Anche se siamo soltanto all’inizio dell’inverno, molti lupi vivono e si spostano quotidianamente sul fondovalle. Ogni giorno infatti vengono riportati avvistamenti anche diurni vicino ad abitati. E chissà quanti altri casi non vengono nemmeno segnalati. Bene hanno quindi diversi deputati e deputate a interpellare il Consiglio di Stato su questa problematica. Nessuno può escludere con certezza che non ci siano rischi per la popolazione; infatti tra questi lupi possono esserci degli ibridi che sono tra i lupi più pericolosi per l’uomo. E che secondo la legge dovrebbero
essere eliminati".

Infatti, "questi esemplari che girano anche nei pressi dei nostri villaggi non sono di certo quei lupi selvatici, schivi e timorosi dell’uomo che fuggono all’impazzata e che se ne stanno alla larga dagli allevamenti tanto decantati", bensì "sono lupi che hanno acquisito assuefazione all’odore umano, che osano entrare nelle recinzioni e forse anche nelle stalle, che hanno fatto l’esperienza che per loro l’uomo non rappresenta alcun pericolo, che denotano un comportamento anomalo rispetto al vero lupo selvatico. Rappresentano quindi un potenziale pericolo per la popolazione e non solo un rischio concreto per
gli allevamenti durante la stagione invernale e soprattutto durante il periodo primaverile ed estivo". Il problema, quindi, anche per l'uomo esiste e non va sottovalutato, conclude l'Associazione. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
lupo
lupi
pericolo
odore
animali
esemplare
territorio
associazione
problema
protezione
© 2023 , All rights reserved