ULTIME NOTIZIE News
Politica
12.11.2022 - 14:390

Doppia imposizione, probabilmente non entrerà in vigore prima del 2024

La problematica non è legata alla non volontà del Governo italiano bensì a tempi tecnici: prima il Parlamento si deve chinare sulla NASPI e ci sono anche le richieste dei sindacati di modifica del memorandum

ROMA - La doppia imposizione dei frontalieri, contenuta nell'accordo fiscale tra Svizzera e Italia, potrebbe non entrare in vigore prima del 2024. Il motivo? I tempi tecnici, non una scarsa volontà da parte del governo neo eletto italiano.

Stefania Craxi, presidente della commissione Esteri, ritiene che il tema sia uno di quelli prioritari, ha fatto sapere al CdT. 

Lo ha ribadito anche in un incontro avvenuto all’ambasciata di Svizzera a Roma con la segretaria di Stato del DFAE Livia Leu, dove erano presenti alcuni parlamentari italiani. Non sarebbe stata, dunque, una risposta di circostanza. 

Ma per quanto Craxi voglia mettere fretta, non è detto che Giorgia Meloni voglia fare altrettanto. Di carne al fuoco senza dubbio la premier ne ha, non solo l'accordo sui frontalieri. 

Dapprima inoltre sul tavolo dei parlamentari italiani c'è la riforma della NASPI, la legge sulla disoccupazione. Poi i sindacati hanno espresso il desiderio di modificare un memorandum che accompagna l'accordo negoziato dalle parti. Il Parlamento potrebbe prima ratificare la doppia imposizione e prendere in considerazione le osservazioni in seguito, ma di solito ci si occupa di un tema nella sua totalità. Ergo, i temi si allungano.

Ci sarebbe la possibilità di inserire l'accordo del 2020 nella Legge di Bilancio per accelerare i tempi ma pare improbabile. Quindi, prima del 2024 non si dovrebbe riuscire a far entrare in vigore una intesa che ha richiesto anni e anni di lavoro e che ora è ferma sul tavolo. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
vigore prima
doppia imposizione
imposizione
vigore
roma
tempi
volontà
naspi
tempi tecnici
memorandum
© 2023 , All rights reserved