ULTIME NOTIZIE News
Sanità
16.10.2023 - 14:030

"Swiss Arthrowrist 2023", così il Centro manoegomito in Ars Medica forma i futuri chirurghi della mano

Si è appena conclusa a Gravesano la seconda edizione del corso per medici in formazione dedicato all’artroscopia del polso e organizzato dai chirurghi Ivan Tami e Marco Guidi

GRAVESANO – Sulla scorta del grande successo riscontrato l’anno scorso, il Centro manoegomito in clinica Ars Medica di
Gravesano ha ospitato, il 12 e 13 ottobre scorsi, la seconda edizione di Swiss Arthrowrist, corso per chirurghi in formazione in chirurgia della mano e ortopedia, dedicato all’artroscopia del polso. Si tratta di un corso innovativo per la Svizzera, riconosciuto sia a livello federale che europeo dalla Federazione delle Società Europee di Chirurgia della Mano
(FESSH- Federation of European Societies for the Surgery of the Hand).

Cos’è l’artroscopia
L’artroscopia è utilizzata sia come strumento diagnostico, per determinare le cause di un dolore o di una lesione che non siano state chiarite con le indagini strumentali tradizionali, sia come strumento chirurgico, ad esempio in seguito ad una frattura, per intervenire all’interno delle articolazioni senza doverle “aprire”. Il decorso post-operatorio risulta dunque più rapido e meno doloroso. Con l’artroscopia possono essere trattati altresì pazienti affetti da patologie degenerative. Questa procedura chirurgica, attraverso strumenti altamente tecnologici, quali microtelecamere e luci a fibra ottica, consente una visione diretta in alta qualità delle strutture interne delle articolazioni del polso e della mano, e dunque una maggior
precisione nelle tecniche operatorie. La sua applicazione nel trattamento delle fratture e delle lesioni dei legamenti è sempre più diffusa e in costante evoluzione.
 
Ciò che rende le tecniche artroscopiche della chirurgia del polso all’avanguardia sono dunque la precisione e la micro-
invasività, e per questo sono particolarmente adatte all’operazione di articolazioni anche molto piccole, come quelle delle dita. In passato, questi interventi erano molto più invasivi, con tempi di recupero più lunghi e risultati che spesso
risultavano compromessi.


Swiss Arthrowrist, caratteristiche e particolarità
Ecco, dunque, che l’importanza di Swiss Arthrowrist acquisisce un particolare rilievo, dal momento che, in Svizzera, ai futuri
chirurghi della mano è richiesta una formazione in interventi di artroscopia - all’interno di una specializzazione della durata
minima di sei anni – che presuppone l’apprendimento e la padronanza delle più moderne tecniche operatorie.
 
Organizzatori e docenti di Swiss Arthrowrist sono il Dr.med Ivan Tami e il Dr.med Marco Guidi, entrambi specialisti in chirurgia della mano e in chirurgia ortopedica e dell’apparato locomotore operativi presso il Centro manoegomito in clinica
Ars Medica. Alla faculty appartengono anche altri esperti a livello internazionale, tra cui il Dr. Riccardo Luchetti, co-fondatore della Società Internazionale di Artroscopia del Polso (IWAS) e il Dr. Carlos Heras-Palou, tra i maggiori chirurghi della mano e del polso del Regno Unito, che pure hanno preso parte al workshop come istruttori.

“Durante le due giornate del corso, futuri chirurghi della mano provenienti da tutta Europa - Svizzera e Italia in particolare -,
hanno avuto l’opportunità di apprendere le più avanzate tecniche di base, attraverso esercizi e dimostrazioni pratiche,
per un’esperienza completa e altamente formativa”, spiega il Dr.med. Marco Guidi introducendo il corso.
Swiss Arthrowrist è stato concepito e strutturato con lo scopo fondamentale di fornire delle tecniche e delle competenze di
immediato utilizzo. Particolare importanza, oltre alla parte teorica che prevedeva lezioni di anatomia e discussioni di casi
clinici, è stata data infatti alle sessioni di pratica con esercizi e interventi su preparati anatomici e modelli realistici artificiali.
Avendo dedicato all’esercitazione pratica gran parte del corso, i giovani chirurghi sono in grado di essere operativi ed effettuare i primi interventi – assistiti da medici più esperti – sin da subito, una volta tornati negli ospedali e nei centri di
provenienza”, aggiunge il Dr.med. Marco Guidi.

L’Ars Medica nel panorama formativo svizzero e ticinese                                                                                                                  La chirurgia della mano vanta una lunga tradizione in tutti i Cantoni della Svizzera, e da diverso tempo in Ticino è al centro
dell’attività formativa. La clinica Ars Medica, in particolare, è diventata un punto di riferimento per il trattamento dei traumi e delle patologie della mano grazie alla collaborazione pluriennale col Centro manoegomito.
 
Con Swiss Arthrowrist e il Centro manoegomito, la clinica di Gravesano emerge dunque nel panorama sanitario svizzero ed
europeo anche come importante centro di formazione, con un corso unico nel suo genere. Ed è proprio su questo ruolo di Ars Medica che il Dr.med. Ivan Tami - che dal prossimo novembre assumerà la carica di presidente della Società svizzera di
chirurgia della mano (SGH-SSCM) - pone l’accento: “Swiss Arthrowrist 2022 è stato il primo corso di artroscopia mai
organizzato in Svizzera. Il fatto che l’iniziativa sia partita da una clinica privata, appartenente a un gruppo privato, e situata non a Zurigo o Ginevra – sedi di importanti centri universitari - ma alla periferia di Lugano, è per noi motivo di grande
orgoglio”, sottolinea il Dr.med. Ivan Tami.

“Per noi è un primato importante; in passato, i medici che si specializzavano in chirurgia della mano dovevano recarsi
all’estero per ottenere la certificazione in artroscopia, peraltro obbligatoria. A ciò si aggiunga il fatto che diversi partecipanti – anche all’edizione di quest’anno – provengono da centri universitari di rilievo quali Zurigo o Basilea”.

Il corso Swiss Arthrowrist è dunque riconosciuto a livello federale, al pari di un corso universitario. “Con l’offerta formativa organizzata dal Centro manoegomito, la clinica Ars Medica si pone alla pari dei maggiori centri universitari e degli
ospedali pubblici ticinesi e svizzeri”, precisa il Dr.med. Ivan Tami.
 
Ars Medica partecipa direttamente agli investimenti destinati alla formazione dei giovani medici, ma non solo. La clinica di
Gravesano è infatti in prima linea anche per quanto riguarda la divulgazione e la sensibilizzazione, con conferenze pubbliche sulla sanità sostenibile e convegni di prestigio per specialisti, quali ad esempio quello sulle innovazioni nella chirurgia del ginocchio, tenutosi poche settimane fa al LAC di Lugano, e altri seminari in programma prossimamente che riuniranno i maggiori esperti internazionali.

Potrebbe interessarti anche
Tags
mano
ars
ars medica
clinica
replaced-dns repdns text="dr.med"
chirurgia
marco guidi
polso
ivan tami
centro
© 2024 , All rights reserved