ULTIME NOTIZIE Politica
Politica
26.11.2019 - 16:520

L'UDC all'attacco: "Zanini-Barzaghi, perchè non ti dimetti? Comportamento irrispettoso"

Ai democentristi luganesi non piace che la Municipale sia attiva nella raccolta firme per il referendum sull'aeroporto. "Se ha tanta voglia di militare sul territorio in contrasto col Municipio, lasci il posto. Viola la collegialità"

LUGANO- Non solo la Lega, ma anche l’UDC contro Cristina Zanini-Barzaghi. La municipale socialista, stando a un’interpellanza della leghista Minotti, “all’inizio dell’evento (a Carona la Commissione di Quartiere ha organizzato un evento per tutta la popolazione) la Municipale Christina Zanini Barzaghi si prestava a chiedere chi fosse interessato a firmare il referendum contro la decisione Cantonale in merito all’aeroporto. È stata placata da cittadini che trovavano di cattivo gusto il gesto ed il momento”.

L’UDC luganese non si limita a chieder conto delle azioni di Zanini-Barzaghi ma scrive un infuocato comunicato. Dove “si chiede se l’onorevole Zanini-Barzaghi sia al posto giusto. Se ha tanta voglia di militare sul territorio in contrasto con il Municipio, del quale è parte, perché non si dimette e lascia il posto a qualcuno che avrà sicuramente più rispetto per quel ruolo e il principio che è chiamato a rispettare?”

“Il sistema politico svizzero si regge sul principio di collegialità. Il quale presuppone che ogni decisione presa a maggioranza da un Esecutivo, che sia a livello comunale, cantonale oppure federale, sia in seguito sostenuta collegialmente da tutti i suoi membri”, si legge nella nota.

“In Ticino questo principio è fin troppo spesso disatteso e calpestato, soprattutto a sinistra dove un Consigliere di Stato attacca le decisioni del Governo in cui siede sui social e una Municipale a Lugano, oltre a partecipare attivamente a un corteo non autorizzato nel quale si inneggia contro esponenti dell’esecutivo cittadino, raccoglie le firme contro una decisione politica in linea con la strategia decisa dal Municipio”, prosegue.

“L’UDC deplora il comportamento della municipale socialista, Cristina Zanini-Barzaghi, che con le sue azioni viene meno al rispetto della carica che riveste. Un atteggiamento irrispettoso non solo nei confronti delle istituzioni che rappresenta ma anche di tutta la cittadinanza. La libertà d’opinione e il poter esprimerla liberamente, sono principi costituzionali sacrosanti, ma scegliendo di candidarsi per il Municipio e accettando la carica, l’interessata era pienamente cosciente dei doveri che sarebbe stata chiamata a rispettare. D’altronde vi sono i partiti a cui si può tranquillamente delegare eventuali azioni politiche sul territorio”.

Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved