Politica
20.07.2020 - 09:420

Quadri controcorrente: "E chi lo dice che la Foce deve diventare una movida notturna?"

Per il leghista le serate con poca gente non sono state un flop: "Di giorno l'area è fruibile per cittadini e famiglie. Se resta chiusa di notte e aperta di giorno non è certo un dramma"

LUGANO - La Foce, contingentata nelle sere dei fine settimana, è rimasta pressochè deserta, il che non è piaciuto al Municipio: ieri sera Roberto Badaracco ha spiegato che si intendono pensare soluzioni alternative.

Ma non tutti, anche all'interno dello stesso gremio, concordano: "Flop? E chi lo dice?", scrive Lorenzo Qusdri.

Per il leghista, "almeno non ci sono assembramenti col rischio di far partire focolai di virus cinese e, la mattina dopo, la Foce non è ridotta ad un porcile con rüt ed escrementi umani sparsi ovunque. Come accadeva nelle settimane precedenti ("grazie" anche al fattivo contributo di brozzoni provenienti dall'ex macello). E di giorno l'area è fruibile per cittadini e famiglie".

"Non c'è scritto da nessuna parte che bisogna a tutti i costi trasformare la Foce in una movida notturna permanente; di questi tempi, poi. Se resta chiusa di notte e aperta di giorno non è certo un dramma. Anzi", conclude.

© 2020 , All rights reserved