Svizzera
08.01.2018 - 12:150
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:43

Ada Marra e il divieto al burqa. "Vogliamo spingere i cittadini a identificarsi come musulmani e dunque a radicalizzarsi?"

La Consigliera Nazionale non ama l'idea di "far retrocedere i musulmani considerandoli solo in base alla loro religione. Lo hanno fatto i francesi, e loro hanno detto, 'allora mi considero musulmano', come vettore di identità. Dobbiamo combattere i fondamentalismi ma non con questo falso problema"

1 anno fa Ada Marra, «la caratteristica che unisce tutti gli svizzeri è il rispetto. E sul volantino in arabo dico che...»
1 anno fa Buon primo agosto da Ada Marra. "La Svizzera non è composta solo da coloro che hanno il passaporto, e la mia Svizzera non è la tua"
1 anno fa La scelta di Casss fa discutere, Marra non è d'accordo. "È perverso esigere un prototipo di storia di vita per candidarsi"
di Ada Marra*, sul sondaggio che dice che il 76% degli svizzeri sarebbero a favore del divieto del burqa

E se imparassimo da quel che è successo ai nostri vicini, i francesi?

Questo paese ha avuto una storia coloniale non ancora conclusa e ha accolto il popolo di questi territori sul suo territorio. Non li ha mai veramente considerati come cittadini uguali: ha dato loro esclusione dal mercato del lavoro e quindi sociale, facendoli retrocedere a causa di una sola delle loro caratteristiche: la loro religione Il cocktail esplosivo è stato ben gestito ... il grande rischio è dire a parte della propria società che non la riconosce: ok, quindi se non mi vuoi come cittadino francese mi definirò musulmano.

Da qui il credito dato ai movimenti radicali dell'Islam (wahhabismo, fratelli musulmani). Quindi, come dicono diversi specialisti, la religione non è più vissuta come parametro di etica, ma come un vettore di identità (abbigliamento, cibo, ecc.).

La mia domanda: vogliamo davvero ricreare gli stessi errori in Svizzera, anche se non abbiamo alle spalle la stessa storia? Vogliamo ridurre i cittadini di fede musulmana definendoli solo per quella caratteristica? Vogliamo continuare a fare in modo che i nomi "esotici" in Svizzera (quelli dell'Europa meridionale e orientale inclusi) abbiano meno probabilità di trovare lavoro? Vogliamo spingere i giovani verso l'esclusione e quindi verso una pratica radicale della religione?

Qual è il progetto di coesione nazionale che le nostre società stanno adottando oggi? Il capitalismo? Il materialismo? L'individualismo?

Sì, dobbiamo combattere tutti i fondamentalismi. Ma con che mezzi? Parlando del falso problema che è rappresentato dal burqa? Glarona e Zurigo hanno già espresso la loro opposizione a questa iniziativa, a differenza del Ticino. Vogliamo continuare e migliorare secondo un metodo svizzero di dialogo, prossimità, politica della diversità (per migliorare sicuramente)?

La domanda è complessa. 

*Consigliera Nazionale PS
11 mesi fa Vivere senza un braccio, "una difficoltà per gli altri più che per me. La mia famiglia non me l'ha fatto pesare, ma quella nonna che disse al nipote 'ecco cosa succede a essere cattivi'..."
Potrebbe interessarti anche
Tags
cittadini
burqa
religione
vogliamo spingere
ada marra
marra
nazionale
divieto
© 2018 , All rights reserved