Tribuna
26.01.2017 - 10:270
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Si all’iniziativa sulla protezione giuridica degli animali

di Sabrina Aldi

Nel corso degli ultimi anni l’importanza che hanno assunto gli animali, soprattutto quelli domestici, è cresciuta in maniera sostanziale. L’animale come compagnia ma anche come aiuto per affrontare situazioni di difficoltà, come supporto, come fedele amico. Anche le leggi sono cambiate e la loro protezione è migliorata. Secondo gli iniziativisi questo non basta, bisogna fare di più. È necessario inserire un principio chiaro, e bisogna farlo nella nostra costituzione cantonale che è la legge più importante e solenne a livello cantonale. Bisogna che il diritto dica una volte per tutte e a chiare lettere che gli animali sono essere viventi dotati di sensibilità e che la loro protezione è un obiettivo sociale. Si tratta di mandare un forte messaggio ancorando un principio, una protezione, nella legge. Ma non solo, si tratta di innalzare questo principio a rango costituzionale. Sui media si leggono sempre più spesso casi maltrattamento come i tristemente noti bocconi avvelenati. Ma non bisogna dimenticare che non sono solo questi i casi di maltrattamento. Purtroppo capita che l’autore è il padrone stesso dell’animale. In questi casi troppo spesso vi è il silenzio. Il fronte del no sta facendo una campagna mediatica creando disinformazione, sostenendo che l’iniziativa è inutile perché non permetterà una maggior protezione degli animali però, e qui la totale contraddizione, porterà a ingenti costi a carico dei cittadini. Nessuna delle due tesi evidentemente corrisponde al vero. Inserire una tutela giuridica degli animali nella costituzione è un atto dovuto verso i nostri amici animali e segno di progresso morale. Sabrina Aldi, deputata in Gran Consiglio per la Lega dei Ticinesi
Potrebbe interessarti anche
Tags
protezione
animali
casi
iniziativa
principio
© 2019 , All rights reserved