Cronaca
11.02.2019 - 14:240
Aggiornamento : 15:01

Il leghista che persiste. "La spesa in Italia? Ormai una necessità"

Omar Wicht, consigliere comunale di Lugano, insiste con la sua tesi. "A volte mi sembra di vivere in un clima di omertà, dove guardare in faccia alla realtà è un optional"

di Omar Wicht*

Fa sempre discutere e tiene “banco”, il tema della spesa, o meglio delle spese di qualsiasi tipo oltre frontiera.

Mi spiego meglio, chi critica il ticinese che fa la spesa in Italia, deve rendersi conto che oggigiorno purtroppo e lo dico e ripeto a malincuore, purtroppo conviene, ed è una necessità.

La maggior parte dei cittadini Ticinesi sono in difficoltà (lo sappiamo), molti non vengono neppure ascoltati e vengono spesso “messi da parte”, con frasi non troviamo Ticinesi disposti a fare certi lavori. Mah...

Le stesse aziende, per sopportare la crisi,fanno rifornimenti di manodopera a basso costo.

A volte mi sembra di vivere in un clima di omertà, dove guardare in faccia alla realtà è diventato un optional.

In Ticino servirebbero delle misure severe a salvaguardia, di noi stessi e della nostra economia, ma ciò non accade.

In conclusione visto che in Ticino sembri non cambiare nulla, anzi ancor peggio la volontà popolare viene affossata (vedi prima i nostri) voluta dal popolo ma ritenuta illegale, proporrei uno scambio “interculturale” di qualche mese, tra qualche gruppo di lavoro tra Ticino e Svizzera interna, così da potersi rendere magari conto di cosa,e di come viviamo in Ticino.

La speranza é l’ultima a morire.

*consigliere comunale di Lugano, Lega dei Ticinesi

10 mesi fa Il leghista che fa la spesa in Italia. "È come chi assume frontalieri"
Tags
ticino
spesa
necessità
ticinesi
italia
© 2019 , All rights reserved