Sanità
25.04.2018 - 12:000
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Cardiocentro, parla Beltraminelli. "Non si crei un clima da derby. Non si deve temere che con un'integrazione la qualità venga meno"

Il Governo sta facendo da mediatore fra l'ospedale del cuore e l'EOC, il Ministro ne ha parlato all'assemblea del PPD luganese. "Invito tutti alla calma e alla ragionevolezza, sono fiducioso sul fatto che si troverà una soluzione". La differenza la farà il modo in cui avverrà eventualmente l'integrazione

BELLINZONA – Cardiocentro parte dell’EOC come nei contratti o indipendente? Il caso sta infiammando la politica, con una grande mobilitazione a favore dell’ospedale del cuore, basti pensare al comitato “Grazie Coardiocentro”, che ha raccolto rappresentanti politici di ogni livello e di quasi tutti gli schieramenti politici e molti cittadini. 

Il Governo sta facendo da mediatore fra EOC e Cardiocentro. Paolo Beltraminelli ieri si è espresso per la prima volta, durante l’assemblea del PPD luganese, sul tema. “Non si crei un clima da derby”, ha detto, invitando tutti a calma e ragionevolezza.

Il Governo, ha spiegato, sta ascoltando sia l’EO, sia l’ospedale del cuore “e sono fiducioso che si troverà una soluzione”. Per Beltraminelli “non si deve temere che la qualità del Cardiocentro possa venir meno. Anche il Civico a suo tempo è stato integrato nell'EOC, e l'Ospedale italiano è diventato un fiore all'occhiello della sanità ticinese”. Dunque, l’integrazione potrebbe andar bene, dipende come: ed è qui che le parti sono distanti fra loro.
Potrebbe interessarti anche
© 2020 , All rights reserved