ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
30.01.2022 - 14:220

Cosa può fare la Svizzera contro la penuria di energia? Wider di ASE: "Si punti sulle energie rinnovabili"

Il presidente dell’Associazione delle aziende elettriche svizzere (ASE) e membro della direzione di Alpiq sostiene che si potrebbe per esempio intervenire sui bacini di accumulazione, facendo sì che trattengano più acqua

BERNA - Da più parti, e ne ha parlato anche Maurer, esponente di una UDC che è preoccupata per il tema, si prospettano carenze di energia in un futuro nemmeno troppo lontano. Come potrebbe la Svizzera far fronte a una eventuale crisi energetica?

Il presidente dell’Associazione delle aziende elettriche svizzere (ASE) e membro della direzione di Alpiq Michael Wider sostiene che si debba puntare sulle energie rinnovabili. Dunque, per non trovarsi senza energia, è necessario espandere per esempio l'idroelettrico. Ma bisogna agire in fretta.

Per esempio, ha spiegato al SonntagsBlick, i 15 progetti idroelettrici che i cantoni, la consigliera federale Simonetta Sommaruga e le associazioni ambientaliste avevano identificato per una rapida realizzazione non sarebbero pronti entro il 2025, momento in cui potrebbe iniziare la penuria di elettricità.

Un'idea è quella secondo cui si potrebbe intervenire sui bacini di accumulazione affinchè trattengano più acqua,

Il nucleare, essendo stato bocciato dal popolo, non è una opzione. Tra l'altro, non ci sarebbe il tempo di costruire una nuova centrale. Se il ricorso alle energie rinnovabili non bastasse, si dovrebbe giocoforza puntare sul gas.

Potrebbe interessarti anche
Tags
svizzera
ase
potrebbe
penuria
energia
energie
energie rinnovabili
berna
elettriche svizzere
aziende elettriche svizzere
© 2022 , All rights reserved