ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
18.11.2022 - 14:330

UNIA: "Sui cantieri non sono incidenti ma tentati omicidi"

Il sindacato indice un presidio sul luogo dove ha trovato la morte l'operaio 44enne, in via Ghiringhelli a Bellinzona. "Ogni caso a rischio è di troppo, serve chiamare a una reale e concreta presa di responsabilità gli attori protagonisti del settore

BELLINZONA - Un presidio di fronte al cantiere dove è avvenuto il dramma, per sensibilizzare sulla condizione degli operai che lavorano nell'edilizia, dato che non solamente ogni morte è di troppo bensì "ogni caso a rischio è uno di troppo".

Il sindacato UNIA invita a una mobilitazione per venerdì 25 novembre, alle ore 12.15, in via Ghirighelli dove il 9 novembre ha perso la vita un operaio 44enne. 

UNIA spiega di aver più volte tematizzato l'importanza della sicurezza sui cantieri, ottenendo risposte definite "trancianti" dai dipendenti: "la fretta vince su tutto, la quantità prevale sulla qualità, in un gioco al massacro che mette però a rischio delle vite umane e che non possiamo accettare".

Anzi, per il sindacato non si tratta di incidenti o morti bianche, bensì di omicidi o tentati tali, troppo spesso. 

Il sistema del subappalto è ritenuto un mondo che porta a ritmi di lavoro folli, con conseguenti rischi.

"È ora di chiamare ad una reale e concreta presa di responsabilità gli attori protagonisti del settore sul tema della sicurezza. Imprese ma anche committenti, organi di controllo e studi di progettazione affinché il tema della sicurezza rafforzi la sua centralità all’interno del posto di lavoro attraverso prevenzione, formazione, maggiori controlli e basi legali più incisive. E l’invito, pressante, affinché magistratura e forze di polizia intervengano nei casi di incidente in modo professionale, approfondito, rapido ed efficiente!", si legge nel volantino che invita al presidio. 

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
cantieri
incidenti
bellinzona
unia
tentati
omicidi
ogni
rischio
sindacato
presidio
© 2022 , All rights reserved