Politica
13.03.2017 - 23:580
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Il PS appoggia il PLR. "Il caso Argo 1 sia affidato alla Sottocomissione. Beltraminelli, tra dumping e compiti non autorizzati..."

I socialisti non sono contenti dell'intervento del Ministro, "che non ha risposto in modo concreto e soddisfacente. L'urgenza e la provvisorietà non bastano a spiegare il mandato diretto, reiterato nel tempo"

BELLINZONA - Anche il PS non è soddisfatto delle spiegazioni di Paolo Beltraminelli sul caso Argo 1, e come il PLR chiede che la Sottocomissione della Gestione si occupi, oltre che di permessopoli, anche di indagare su cosa è successo nel settore dell'asilo. "Il Gruppo socialista in Gran Consiglio chiede che il caso che coinvolge l’agenzia di sicurezza Argo 1 – il cui impiegato 32enne è stato arrestato poiché ritenuto un presunto reclutatore di Isis e il cui responsabile è sotto inchiesta per usura e sequestro di persona – venga affidata alla sottocommissione Permessi, istituita dal Commissione della gestione e delle finanze, affinché conduca l’alta vigilanza sul caso", si legge infatti in una nota. "Il Partito Socialista non è soddisfatto dalle risposte formulate oggi in Gran Consiglio dal Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli. Nel corso del suo intervento fiume, Paolo Beltraminelli non ha risposto in modo concreto e soddisfacente né riguardo all’autorizzazione rilasciata né ai mandati concessi all’agenzia di sicurezza Argo 1, così come sulle procedure di controllo eseguite al fine di verificarli", spiega il partito. In particolare, "il PS sottolinea come l’urgenza e la provvisorietà non siano argomenti sufficienti per spiegare le ragione per cui è stato affidato il mandato diretto, reiterato nel tempo, all’agenzia Argo 1. Benché l’urgenza logistica dell’accoglienza dei richiedenti d’asilo possa essere compresa, non lo è il fatto che l’emergenza possa motivare anche il reiterato mandato affidato a Argo 1 senza che sia stato pubblicato un concorso pubblico al riguardo". Ma le ombre non si fermano qui. "Il principio di economicità della tariffa fatturata da quest’agenzia al Cantone, di poco superiore ai 35 franchi l’ora, è uno degli argomenti presentati dal Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli che mette in evidenza anche un effetto di retribuzione al ribasso, e di dumping salariale, nell’ambito delle agenzie di sicurezza". "Paolo Beltraminelli ha inoltre affermato in Aula che il mandato affidato all’agenzia ‘Argo 1’ non si è limitato alla sola sicurezza ma implicava anche un lavoro di accompagnamento dei richiedenti d’asilo per cui, però, questa agenzia non è stata abilitata e per cui i suoi dipendenti non hanno seguito la debita formazione": per il PS, quello che il Ministro riteneva un punto di forza dell'agenzia, pare essere un ulteriore problema. Dunque, nonostante l'ora in cui Beltraminelli ha parlato, e gli interventi successivi, "sul caso Argo 1, sui mandati ricevuti da parte del Cantone, sulle procedure e a proposito dei controlli rimangono ancora numerose zone d’ombra su cui il Consiglio di Stato ha il dovere di fare luce. Il Partito Socialista veglierà affinché il Governo e i Dipartimenti toccati da questo caso forniscano al più presto tutte le rispose ai numerosi quesiti che tuttora solleva e a cui non è stata fornita risposta".
Potrebbe interessarti anche
Tags
agenzia
argo
beltraminelli
ps
paolo
paolo beltraminelli
caso argo
sicurezza
mandato
asilo
© 2019 , All rights reserved