ULTIME NOTIZIE Politica
Politica
09.10.2017 - 11:390
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Pronzini va giù duro, "qualche politico è stato sostenuto finanziariamente da Argo 1? E la Sottocomissione..."

Il deputato vuole accertarsi che non ci siano casi di corruzione da parte dell'agenzia di sicurezza nei confronti di candidati. "È bastata un'inchiesta giornalistica per far emergere il marcio attorno alla ditta: i membri della Sottocomissione incompetenti, lascino il posto ad altri"

BELLINZONA - È stato il primo a chiedere le dimissioni di Paolo Beltraminelli, e lo ha fatto per ben tre volte. Matteo Pronzini sul caso Argo 1 è sempre stato uno dei politici a lasciarsi andare ad accuse pesanti, coinvolgendo anche Fiorenzo Dadò e l'opportunità di far parte della Sottocomissione. Gruppo di lavoro che ora finisce sotto tiro del deputato MPS, il quale giudica insufficiente il lavoro svolto. Ma in un'interrogazione inoltrara al Governo, la questione più pesante riguarda possibili episodi di corruzioni da parte di Argo 1 durante le ultime elezioni.

"Da marzo ad oggi i rappresentanti dei partiti politici che si vantano di “rappresentare” la popolazione ticinese  non sono riusciti a cavare un ragno dal  buco sulla vicenda  Argo 1. La sottocommissione della gestione istituita appositamente (composta da tutti i partiti che formano gruppo in Parlamento) non è stata in grado di appurare nulla. Non è stata in grado di dare uno straccio di risposta ad una domanda semplicissima: come è stato possibile che per tre anni di fila siano stati versati più di  3 milioni di franchi ad un’azienda che agiva di fatto illegalmente (cioè nel totale disprezzo di leggi che tutelano le persone e i loro diritti) senza che nessuno si accorgesse di nulla?", comincia Pronzini.

"Se fosse stata per i partiti principali ed i loro rappresentanti nella commissione della gestione la questione era ormai pronta per un funerale di  seconda classe,  con un nulla di fatto. Ricordo che, ancora poche settimane fa, anche il Consiglio di Stato ed il suo presidente Manuele Bertoli avevano affermato che lo Stato, nella vertenza Argo1,  non ci aveva perso nulla", prosegue, poi passa all'ormai celeberrima tramissione Falò. "È  bastata un’inchiesta giornalistica fatta da due competenti persone (che non hanno certamente potuto contare sui mezzi di cui dispone l’amministrazione e alla quale possono far capo le commissioni e le sottocommissioni parlamentari)  per dimostrare quanto marcio vi sia attorno ad Argo1 e, soprattutto, che vi ne è ancora molto che deve venire alla luce: possibile riciclaggio finanziario, pagamenti in nero, corruzione e tanto altro".

"Se Paolo Beltraminelli dovrebbe dimissionare per la sua responsabilità (perlomeno politica o d’incapacità politica), i membri della sottocommissione della gestione dovrebbero lasciare il posto ad altri nella gestione del caso vista la loro incompetenza". La richiesta di dimissioni del Ministro, insomma,bene o male, arriva sempre.

Ma il dubbo di Pronzini riguarda la corruzione. "Quanto emerso nel corso delle ultime settimane e la spregiudicatezza dei dirigenti di Argo1 fanno spingono a chiedersi se, in passato ed in occasione di scadenza politicamente importanti  - come ad esempio le elezioni cantonali, Argo1 e/o i suoi dirigenti non abbiano cercato di “sdebitarsi” per il trattamento ricevuto attraverso finanziamenti a candidati e/o partiti politici. A questo punto ci pare una domanda più che legittima".

Dunque, chiede al Governo: 

"1. Il governo si è già attivato per verificare che nessun partito o candidato alle elezioni cantonali 2015 abbia ricevuto un sostegno finanziario, diretto o indiretto, da Argo1 o dai suoi dirigenti?

2. non pensa di dover far presente alla futuro commissione di inchiesta la necessità di indagare in modo approfondito anche su questo aspetto?".

Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved