Risultati
06.11.2019
Champions UEFA
Bayern Monaco
 2 - 0 
fine
0-0
Olympiakos Piraeus
Lokomotiv Moscow
 1 - 2 
fine
1-1
Juventus
Paris Saint Germain
 1 - 0 
fine
1-0
Club Brugge
Real Madrid
 6 - 0 
fine
4-0
Galatasaray
Crvena Zvezda
 0 - 4 
fine
0-1
Tottenham
Dinamo Zagreb
 3 - 3 
fine
1-1
Shakhtar Donetsk
Atalanta
 1 - 1 
fine
0-1
Manchester City
Bayer Leverkusen
 2 - 1 
fine
1-0
Atletico Madrid
 
10.11.2019
Super League
Lugano
 0 - 3 
fine
0-2
Basilea
Young Boys
 4 - 3 
fine
2-2
S.Gallo
Zurigo
 4 - 2 
fine
2-2
Sion
Challenge League
SC Kriens
 3 - 0 
fine
3-0
FC Stade Ls Ouchy
Aarau
 2 - 2 
fine
2-2
Vaduz
Losanna
 5 - 0 
fine
2-0
Sciaffusa
Serie A
Cagliari
 5 - 2 
fine
3-0
Fiorentina
Lazio
 4 - 2 
fine
1-1
Lecce
Sampdoria
 0 - 0 
fine
0-0
Atalanta
Udinese
 0 - 0 
fine
0-0
SPAL
Parma
 2 - 0 
fine
0-0
Roma
Juventus
 1 - 0 
fine
0-0
Milan
 
22.11.2019
Challenge League
Losanna
  
20:00
Wil
 
23.11.2019
Super League
Servette
  
19:00
Basilea
Zurigo
  
19:00
Lucerna
Serie A
Atalanta
  
15:00
Juventus
Milan
  
18:00
Napoli
Torino
  
20:45
Inter
 
26.11.2019
Champions UEFA
Galatasaray
  
18:55
Club Brugge
Lokomotiv Moscow
  
18:55
Bayer Leverkusen
Real Madrid
  
21:00
Paris Saint Germain
Tottenham
  
21:00
Olympiakos Piraeus
Crvena Zvezda
  
21:00
Bayern Monaco
Atalanta
  
21:00
Dinamo Zagreb
Juventus
  
21:00
Atletico Madrid
 
ULTIME NOTIZIE Sport
Sport
03.07.2018 - 18:190
Aggiornamento : 04.07.2018 - 09:10

Tiro, gamba di Akanji, gol: una beffa per una Svizzera che si sveglia troppo tardi

Partita bloccata con una Svezia che ha saputo attendere e pungere con un gol rocambolesco. Ai rossocrociati il rimpianto che se avessero giocato come dopo lo svantaggio sin dall'inizio, magari qualcosa sarebbe andato diversamente… Finisce così il sogno mondiale, gli svedesi ormai non sono più una sorpresa

SAN PIETROBURGO – Il sogno della Svizzera finisce ancora una volta un passo dopo la fase a gironi, purtroppo non è una novità. In una partita che, si vedeva, sarebbe stata risolta solo da un episodio, una deviazione che più sfortunata non si può di uno dei migliori del mondiale rossocrociato, Akanji, manda a casa i ragazzi di Petkovic.

Cosa si può rimproverare? Di averci messo verve, di aver attaccato a pieno organico solo dopo il gol svedese. E il solito primo tempo un po’ così così. Se la Svizzera avesse giocato tutta la partita come dopo lo svantaggio, forse (ma siamo nel campo dei se e dei ma, ovviamente) sarebbe andata diversamente.

La Svezia, squadra non bella da vedere ma efficace, un collettivo che dopo Ibrahimovic ha 22 leader e non uno solo, ormai non è più una sorpresa, dopo aver eliminato Olanda, Italia, Germania e ora Svizzera. È partita alta, aggressiva, e ha impedito alla Svizzera di giocare nel primo tempo. Ha pressato tanto, ha recuperato palloni, ma occasioni vere e proprie non ve ne sono state molte, da nessuna delle due parti.

Le due più importanti, appunto, nel finire della prima frazione: prima una conclusione di Xhaka da 35 metri, poi in area Dzemaili, infine per la Svezia un pallone mandato in curva da Ekdal, che si era trovato solo sul secondo palo.

Ritmi leggermente più alti a inizio ripresa, come se le due compagini, in particolare la Svizzera, avessero cercato di non buttarsi troppo in avanti e con troppi uomini per non rischiare e sapessero che però era il momento di farlo.  Sul più bello, quando i rossocrociati potevano iniziare ad attaccare, la svolta, o meglio, la beffa. Forbserg riceve palla in mezzo e tira, Sommer sarebbe tranquillamente sulla traiettoria però il pallone impatta sulla gamba di Akanji, cambiando traiettoria e finendo in rete.

Da qui, la Svizzera si è svegliata. Ha cominciato ad andare con più decisione sul fondo (anche nel primo tempo, si cercavano quasi sempre gli esterni), ha provato a colpire di testa, ha messo palloni dentro, ha collezionato corner. Petkovic ha messo dentro due punte, Embolo e Seferovic, al di là però di mischie, un colpo di testa di Embolo, tanto agonismo, con la Svezia trincerata dietro con la sua fisicità.

Così, all’ultimo secondo, Lang ferma Olsson da ultimo uomo, rosso diretto, però poi al VAR l’arbitro si accorge che il fallo inizia fuori area e toglie il rigore dando una punizione dal limite. Sommer la para, conta poco.

Svizzera a casa, la Svezia attende la sua avversaria, tra Inghilterra e Colombia, consapevole di non essere più una sorpresa.

Potrebbe interessarti anche
Tags
svizzera
svezia
gol
partita
akanji
sorpresa
gamba
primo tempo
beffa
tempo
© 2019 , All rights reserved