Cronaca
19.12.2017 - 13:030
Aggiornamento : 21.06.2018 - 14:17

Lugano, Locarno e Bellinzona: luce verde per i preventivi. Solo il PS appoggia Foletti, il PPD vince sul moltiplicatore

I pipidini avevano chiesto di abbassare il moltiplicatore di due punti, dall'80% al 78%, per compensare i cinque milioni che entreranno per la tassa sui rifiuti, che però non ha ancora un regolamento. A Locarno disavanzo minimo, la Nuova Città in attivo e pronta a costruirsi

LUGANO/LOCARNO/BELLINZONA - Giù due punti al moltiplicatore a Lugano, come voleva il PPD, preventivi approvati a Locarno, così come i primi conti della Nuova Bellinzona: è stata una giornata di Consigli Comunali dedicata ai conti, quella di ieri.

A Lugano i pipidini avevano chiesto, come compensazione dell’inserimento della tassa sui rifiuti, che dovrebbe portare cinque milioni nelle casse comunali. Dall’80% si passa quindi al 78%, un balzo non enorme che ha scatenato comunque grandi discussioni. Tanto più, come ha fatto notare il municipale leghista Michele Foletti, contrario, che il regolamento sulla tassa non è ancora né approvato né tanto meno cresciuto in giudicato. “Garantisco che al momento giusto avremmo trovato noi il modo di compensare”, ha detto, mentre qualcuno ha obiettato che sarebbe stato più semplice non inserire i cinque milioni nel preventivo. 

Al momento del voto, la Lega, che non trovava sufficienti né le argomentazioni per il sì né quelle per il no ha deciso di astenersi, solo il PS, paradossalmente, ha seguito Foletti, favorevole l’UDC. E così il moltiplicatore si abbassa.

Un po’ come per quanto concerne il preventivo cantonale, tutti esultano ma nessuno abbassa la guardia: il disavanzo è contenuto, 1,9 milioni di franchi, per il preventivo migliore dal 2013. Per molti rappresentanti politici, però, il debito non fa stare tranquilli, anche tenendo conto del fatto che alcune entrate che hanno portato a conti soddisfacenti sono straordinarie, e qualcuno contesta la poca propensione a guardare a investimenti futuri.

Disavanzo molto contenuto a Locarno, 115 mila franchi, dunque tutto liscio per il voto. Il moltiplicatore rimane al 90%.

Momento storico a Bellinzona, dove è stato votato il primo preventivo della  Nuova città: addirittura un avanzo di 1,8 milioni e moltiplicatore fissato al 93%. I prossimi anni determinerano il proseguimento delle aggregazioni, per divenire davvero una nuova e grande città, anche a livello di investimenti.
Potrebbe interessarti anche
© 2020 , All rights reserved