Cronaca
15.02.2019 - 13:270
Aggiornamento : 14:26

Zali deciso: "Non risposte come quelle di Berna rafforzano la mia posizione sul blocco dei ristorni"

"Sono deluso, anche perchè Cassis è ticinese, ma non sorpreso", commenta il Consigliere di Stato in merito alla risposta del Consiglio Federale all'interpellanza di Quadri

BELLINZONA – In linea col suo partito, Claudio Zali è deluso da quanto risposto dal Consiglio Federale all’interrogazione di Lorenzo Quadri sulla denuncia dell’accordo con l’Italia del 1974.

Dialogo? Certo, ma c’è un limite. E al Corriere del Ticino si è mostrato deciso: “Non sono sorpreso, non vedo alcun segno di novità. Questo genere di risposte iniziano a diventare fortemente insoddisfacenti per il Canton Ticino. Risposte, o meglio, non risposte come questa non fanno che rafforzare la mia posizione in merito all’accordo e al blocco dei ristorni. Non dico che bloccare i ristorni possa essere il colpo di bacchetta magica, ma di certo attirerà l’attenzione e forzerà quantomeno la ripresa di un dialogo non di facciata”.

La sua delusione aumenta per il fatto che il Ministro degli Esteri è ticinese.

Dunque, prosegue l’idea di voler bloccare i ristorni. sempre interpellati dal quotidiano, si mostrano pronti al dialogo i liberali con Farinelli e la Destra con Morisoli (“ma per una volta girerei le carte: proviamo a dialogare davvero e a dipendenza di come vanno le discussioni e dei punti di intesa che si raggiungono, liberiamo o meno i soldi”), mentre il PPD punta a un blocco almeno parziale.

4 mesi fa "Al Consiglio Federale piace farsi prendere in giro dall'Italia? A noi no. Blocchiami i ristorni"
4 mesi fa Se il Ticino bloccasse i ristorni, non avrebbe l'appoggio di Berna
Potrebbe interessarti anche
Tags
ristorni
blocco
dialogo
posizione
© 2019 , All rights reserved