Cronaca
11.10.2019 - 11:580

Così ti salvo l'aeroporto. Ecco la spy story, con un misterioso Mister X e tre condizioni

Cantone e Comune dovrebbero saldare le perdite dello scalo, che dovrebbe passare in mani privati. Inoltre andrebbero licenziati la maggior parte dei lavoratori, perchè si punterebbe sull'aviazione generale

LUGANO – Un piano per l’aeroporto? Sembra una spy story, con un imprenditore misterioso che vuole, per ora, restare nell’anonimato, che secondo il Corriere del Ticino avrebbe già incontrato il sindaco di Lugano Marco Borradori, il consigliere di Stato Claudio Zali, la ex vicesindaca Giovanna Masoni Brenni e il direttore di Lugano Airport Maurizio Merlo.

La sua idea? Salvare lo scalo, concentrandosi però sull’aviazione generale e togliere tutti i voli di linea. Le condizioni parrebbero essere tre: il controllo della struttura dovrebbe passare in mani private, le perdite di Lugano Airport devono essere azzerate e, questione più dolorosa, l’ente pubblico dovrebbe tagliare gran parte dei posti di lavoro.

La palla passa a Comune e Cantone, perché essi dovrebbero comunque fare un investimento importante, risanando le perdite prima di edere lo scalo ai misteriosi privati, che non intendono accollarsi perdite. Importantissimo sarà il voto del 25 novembre in Consiglio Comunale a Lugano.

I voli di linea salterebbero del tutto? La parte pubblica li vorrebbe e sembrerebbe che Mister X sia disposto a collegare, per esempio, Lugano e Ginevra con aerei (lui ne ha uno, a quanto pare) di una decina di posti. Una via di mezzo, che potrebbe comunque salvare l’aeroporto.

Potrebbe interessarti anche
© 2020 , All rights reserved