Sanità
02.10.2018 - 11:540

25 anni dopo, gli stessi volti. "Per ideologia e ripicche vogliono finire il lavoro"

Grazie Cardiocentro prende atto della nascita di un'Associazione per contrastare l'iniziativa. Ma vi fanno parte persone note... "L'alleanza tra EOC e radical socialisti ha gettato la maschera"

LUGANO – Ci sono battaglia che alla fine durano una vita intera. Cinque medici, per esempio, già nel lontano 1993, come documenta un articolo inviato assieme al comunicato, Beretta-Piccoli, Noseda, Maggini, Reiner, Mombelli, un professore e un ingegnere si opponeva alla nascita del Cardiocentro. Ora, mentre il tema caldo è il passaggio all’EOC, alcuni di loro figurano nell’Associazione che di fatto si oppone a Grazie Cardiocentro e alla sua iniziativa.
Lo fa notare proprio Grazie Cardiocentro, in una nota. “Riteniamo positivo che la storica alleanza tra EOC e radical socialisti, abbia finalmente gettato la maschera, dopo aver brigato per mesi dietro le quinte, scegliendo di confrontarsi a viso aperto nell’arena del dibattito pubblico. Si tratta, infatti, di un atto di chiarezza democratica che può consentire ai cittadini di giudicare con trasparenza idee e schieramenti".

Nomi non nuovi, appunto, sulla questione. "Fa sorridere che gli esponenti dell’area politica che da 25 anni contrasta in ogni modo il Cardiocentro, si auto definiscano come coloro che “vogliono davvero bene all’ospedale del cuore”. Gli vogliono talmente bene che prima hanno cercato di stroncarlo nella culla, poi hanno provato a mettergli i bastoni tra le ruote e ora vogliono distruggerne il futuro. Scorrendo la lunga lista di esponenti che compongono la compagine, non manca proprio nessuno tra gli avversari del Cardiocentro di ieri e di oggi. Compresi il Dottor Giorgio Mombelli e il Professor Giorgio Noseda, i quali sedevano nella Commissione di esperti che, nel 1993, sentenziò che il Ticino non aveva bisogno di un centro di cardiochirurgia (vedi allegato). Se fosse stato per loro, insomma, i pazienti ticinesi e loro famiglie avrebbero dovuto continuare a prendere il treno per Zurigo (quelli che riuscivano ad arrivare vivi oltre Gottardo, mentre gli altri…)".

Insomma, 25 anni dopo, gli stessi volti, le stesse posizioni. Una battaglia nuova, ma alla fine vecchia.

"Fortunatamente l’alleanza tra EOC e radical socialisti venne sconfitta 25 anni fa e grazie a questa vittoria migliaia di vite sono state salvate. Oggi tutti pazienti cardiopatici ticinesi beneficiano sul loro territorio di un istituto di eccellenza riconosciuto a livello internazionale", prosegue la nota. "Purtroppo, però, anziché riconoscere il grossolano errore commesso due decenni fa, l’EOC e i radical socialisti pretendono ancora di imporre la loro visione, invece di rivolgersi a chi ha costruito il Cardiocentro da zero, chiedendo con umiltà quale sia la soluzione migliore per il futuro dell’ospedale del cuore".

Quando per Grazie Cardiocentro, ovviamente, il bene è "opporsi a questa visione statalista e burocratica che, solo per ideologia e per ripicche personali, vuole finire il lavoro cominciato 25 anni fa".

9 mesi fa Nasce "Per una sanità più forte per tutti", il gruppo che si contrappone a Grazie Cardiocentro
10 mesi fa Dadò spara, "dal Cardiocentro al LAC, con questi atteggiamenti diamo lustro al Ticino?
10 mesi fa Figli, orgoglio e delusione. Moccetti si apre su Sanvido e i suoi familiari che lavorano al Cardio
10 mesi fa Il professor Moccetti scende nelle piazze: "Il popolo sia garante della qualità del Cardiocentro"
Tags
cardiocentro
eoc
grazie cardiocentro
eoc radical socialisti
radical socialisti
radical
eoc radical
ripicche
ideologia
volti
© 2019 , All rights reserved