Milan
0
Inter
2
fine
(0-0)
Bienne
3
Langnau
2
fine
(0-1 : 1-1 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Ginevra
4
Berna
2
fine
(1-1 : 2-0 : 1-1)
Lakers
3
Zurigo
2
fine
(0-2 : 1-0 : 1-0 : 1-0)
Zugo
3
Lugano
2
fine
(1-1 : 1-1 : 0-0 : 0-0 : 1-0)
La Chaux de Fonds
7
Olten
2
fine
(1-0 : 1-2 : 5-0)
Kloten
4
Ajoie
6
fine
(1-1 : 2-3 : 1-2)
Turgovia
4
Langenthal
2
fine
(2-1 : 0-1 : 2-0)
Milan
SERIE A
0 - 2
fine
0-0
Inter
0-0
CONTI ANDREA
48'
 
 
 
 
49'
0-1 BROZOVIC MARCELO
 
 
78'
0-2 LUKAKU ROMELU
 
 
82'
D AMBROSIO DANILO
REBIC ANTE
88'
 
 
48' CONTI ANDREA
BROZOVIC MARCELO 0-1 49'
LUKAKU ROMELU 0-2 78'
D AMBROSIO DANILO 82'
88' REBIC ANTE
Venue: San Siro.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 80,018.
SAME TOWN - SAME GROUND - LOCAL DERBY.
History: 51W-55D-64W.
Goals: 219-236.
Age: 24,4-27,0.
Sidelined Players: AC MILAN - Davide Calabria (Red card suspension), Mattia Caldara (Cruciate Ligament).
VAR Video Referee.
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
Bienne
LNA
3 - 2
fine
0-1
1-1
1-0
0-0
1-0
Langnau
0-1
1-1
1-0
0-0
1-0
 
 
8'
0-1 NEUKOM
 
 
25'
0-2 MAXWELL
1-2 POULIOT
27'
 
 
2-2 RATHGEB
48'
 
 
NEUKOM 0-1 8'
MAXWELL 0-2 25'
27' 1-2 POULIOT
48' 2-2 RATHGEB
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
Ginevra
LNA
4 - 2
fine
1-1
2-0
1-1
Berna
1-1
2-0
1-1
 
 
12'
0-1 RUEFENACHT
1-1 BERTHON
14'
 
 
2-1 BERTHON
23'
 
 
3-1 WINNIK
40'
 
 
 
 
59'
3-2 MOSER
4-2 RICHARD
60'
 
 
RUEFENACHT 0-1 12'
14' 1-1 BERTHON
23' 2-1 BERTHON
40' 3-1 WINNIK
MOSER 3-2 59'
60' 4-2 RICHARD
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
Lakers
LNA
3 - 2
fine
0-2
1-0
1-0
1-0
Zurigo
0-2
1-0
1-0
1-0
 
 
7'
0-1 BALTISBERGER
 
 
8'
0-2 BODENMANN
1-2 ROWE
21'
 
 
2-2 KRISTO
48'
 
 
3-2 CERVENKA
61'
 
 
BALTISBERGER 0-1 7'
BODENMANN 0-2 8'
21' 1-2 ROWE
48' 2-2 KRISTO
61' 3-2 CERVENKA
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
Zugo
LNA
3 - 2
fine
1-1
1-1
0-0
0-0
1-0
Lugano
1-1
1-1
0-0
0-0
1-0
 
 
7'
0-1 BURGLER
1-1 THORELL
20'
 
 
2-1 ALATALO
24'
 
 
 
 
27'
2-2 FAZZINI
BURGLER 0-1 7'
20' 1-1 THORELL
24' 2-1 ALATALO
FAZZINI 2-2 27'
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
La Chaux de Fonds
LNB
7 - 2
fine
1-0
1-2
5-0
Olten
1-0
1-2
5-0
1-0 CARBIS
18'
 
 
 
 
22'
1-1 WEDER
2-1 BOGDANOFF
30'
 
 
 
 
39'
2-2 RYTZ
3-2 MIEVILLE
42'
 
 
4-2 COFFMAN
47'
 
 
5-2 CARBIS
52'
 
 
6-2 HOLDENER
53'
 
 
7-2 MIEVILLE
54'
 
 
18' 1-0 CARBIS
WEDER 1-1 22'
30' 2-1 BOGDANOFF
RYTZ 2-2 39'
42' 3-2 MIEVILLE
47' 4-2 COFFMAN
52' 5-2 CARBIS
53' 6-2 HOLDENER
54' 7-2 MIEVILLE
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
Kloten
LNB
4 - 6
fine
1-1
2-3
1-2
Ajoie
1-1
2-3
1-2
1-0 FORGET
6'
 
 
 
 
13'
1-1 HUBER
 
 
21'
1-2 HAZEN
2-2 FIGREN
24'
 
 
3-2 LEMM
28'
 
 
 
 
32'
3-3 FROSSARD
 
 
34'
3-4 HAZEN
 
 
42'
3-5 DEVOS
4-5 FUGLISTER
51'
 
 
 
 
60'
4-6 HUBER
6' 1-0 FORGET
HUBER 1-1 13'
HAZEN 1-2 21'
24' 2-2 FIGREN
28' 3-2 LEMM
FROSSARD 3-3 32'
HAZEN 3-4 34'
DEVOS 3-5 42'
51' 4-5 FUGLISTER
HUBER 4-6 60'
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
Turgovia
LNB
4 - 2
fine
2-1
0-1
2-0
Langenthal
2-1
0-1
2-0
1-0 JONES C.
1'
 
 
 
 
2'
1-1 CLARK
2-1 LOOSLI
18'
 
 
 
 
36'
2-2 MULLER
3-2 LOOSLI
54'
 
 
4-2 WILDHABER
60'
 
 
1' 1-0 JONES C.
CLARK 1-1 2'
18' 2-1 LOOSLI
MULLER 2-2 36'
54' 3-2 LOOSLI
60' 4-2 WILDHABER
Ultimo aggiornamento: 21.09.2019 22:43
Politica
24.05.2017 - 19:300
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Da Bello Figo a Tzipi Livni, il Ticino è diviso e litigioso? Destra contro sinistra, un utente contro l'altro. E nelle decisioni, il centro spesso crea il "triciclo"

I comunisti hanno attaccato la presenza dell'ex Ministra israeliana a Lugano, Quadri e Galeazzi hanno risposto sdegnati. È l'ennesimo capitolo di uno scontro ideologico su cui val la pena riflettere

2 anni fa Una serata per parlare di Israele. "Ma Tzipi Livni sia dichiarata persona non gradita sul nostro territorio"
LUGANO – Un’ennesima spaccatura destra-sinistra? Sempre più spesso, su temi che spaziano da quelli locali interenti magari al lavoro o ai frontalieri, sino a quelli internazionali, in particolare i migranti, si avverte la differenza di opinioni fra i partiti in base al loro schieramento politico.

Adesso, la polemica riguarda Tzipi Livni, l’ex Ministra israeliana che sarà ospite dello  “Swiss Israel Day” che si terrà fra quattro giorni a Lugano. Per i comunisti, essendo stati aperti contro di lei vari processi per crimini di guerra in varie parti del mondo, per delle bombe sganciate durante l’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza nel 2008/09, mentre era al Governo, dovrebbe essere giudicata persona non gradita.

A contrastare l’idea esposta dal PC, e l’intenzione di Massimiliano Ay di chiedere a Banca Stato di non sostenere finanziariamente la giornata, sono intervenuti via social due rappresentanti di Lega e UDC.

Per il Movimento di via Monte Boglia, ecco Lorenzo Quadri, il quale taccia la sinistra di “denigrazione anti-israeliana” e attacca, come prevedibile, la cosiddetta politica del “devono entrare tutti”. Ecco le sue parole:

"E quando invece si dichiareranno persone non grate i vari no borders italici che hanno devastato Chiasso, gli ex terroristi rossi invitati dai compagni a pontificare (anche alla RSI!) i vari Nekkaz e compagnia brutta che arrivano a predicare la violazione delle nostre leggi...
qui abbiamo invece la solita boutade veterocomunista improntata alla denigrazione anti-israeliana. Da notare che grazie alla politica del "devono entrare tutti", istericamente sostenuta dalla sinistra, continuano ad entrare in Svizzera anche musulmani antisemiti.
E dire che, quando faceva comodo pensando di poter criminalizzare l'odiata "destra", la sinistruccia aveva fortissimamente voluto l'articolo 261 bis del codice penale inizialmente concepito per combattere l'antisemitismo. E adesso è proprio la sinistra a spalancare le porte a migranti islamici tra cui antisemiti e razzisti perché "devono entrare tutti"".

Per i democentristi, si è espresso Tiziano Galeazzi, che ha puntato il dito contro altre persone invitate al Macello, e ha fatto riferimento allo stato di diritto. Il suo intervento:

"Caro collega non son d'accordo con te perche semplicemente calpesti il nostro stato di diritto e democratico. Non ci si può comportare con la democrazia a geometria variabile a dipendenza dei gradimemti ideologici. Comunqe ti ricordo che nessuno ha mai richiesto di respingere personaggi come gli ex terroristi delle brigate rosse (Renato Curcio e compagni) invitati nei luoghi come al Macello di Lugano. Caro Massimiliano Ay sei andato lungo questa volta, ma spiass.
Secondo il tuo concetto giustizialista allora non dovremmo invitare più nessuno, visto che mezzo mondo purtroppo è guerrafondaio (non voglio giustificare nessuno ovvio). Io, caro collega andrò comunque al meeting".

E qualcuno, nei commenti, dice “ma che Cantone litigioso siamo diventati, da Bello Figo alle poltrone del LAC fino alle armi di distruzione di massa".

In effetti, ci si scontra, si litiga, ci si contrappone. Politici e simpatizzanti, in un "noi" contro voi", in un "destra" contro "sinistra". Lo si nota sotto i post dei personaggi pubblici, lo notiamo noi nella bacheca del nostro portale. Sovente sono gli stessi utenti a battibeccare, smettere e riprendere sotto il post successivo. Cosa succede al Ticino? Si stanno seguendo le orme dell'Italia, col batibecco a tutti i costi? Ovviamente, noi della stampa dall'evoluzione non possiamo chiamarci fuori...

Sarà forse il clima sociale particolarmente ardente, sarà che la gente ha problemi e si deve sfogare, prendendosela con chi, a suo dire, magari non riesce a trovare le soluzioni. Inutile dire che i social hanno acuito, perché ciascuno può entrare in contatto con rappresentanti politici con un semplice click.

Destra contro sinistra, appunto, sempre. Come ha detto qualcuno, da Bello Figo ora a Tzipi Livni. Che tace è il centro. E se sulla presenza di un rapper o anche di un'ex Ministra potrebbe andar bene così, nei processi democratici del Ticino, un ago della bilancia serve. Anche se poi capita che questo centro, composto da liberali e pipidini, si allea con la Lega, nel cosiddetto "triciclo", lasciando ai lati da una parte l'UDC e dall'altra PS ed anche comunisti.

Sui social, invece, PPD e PLR guardano, gli altri scrivono, si infuriano, si contrappongono. Un Ticino litigioso e diviso, insomma.


Paola Bernasconi
Potrebbe interessarti anche
Tags
sinistra
ticino
destra
bello figo
livni
tzipi
figo
tzipi livni
bello
centro
© 2019 , All rights reserved