Politica
10.09.2017 - 18:150
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

La RSI non molla. Canetta, "per il derby, ci riproveremo. E se vincesse il no alla Billag..."

Il direttore della tv di Comano torna sul caso della settimana. "Grazie alle relazioni intrecciate in questi mesi e all'esperienza maturata in questi mesi, continueremo a insistere". A quanto pare, UPC avrebbe chiesto un milione solo per il derby

COMANO - Per trasmettere il derby sulla RSI, per permettere ai tifosi di Ambrì e Lugano di non perdersi le partite più attese dell'anno, la tv pubblica si è sentita, secondo quanto anticipava liberatv.ch ieri, e confermato dal Caffé, chiedere da UPC un milione di franchi, due se al pacchetto si aggiungevano altri pacchetti.

Troppo, decisamente. Ma nessuno getta la spugna.

"Spiace a tutti, in primo luogo a noi" dice Maurizio Canetta. "Modificando la celeberrima espressione di Humprey Bogart, potremmo dire: ‘È il mercato, bellezza! E non ci puoi fare niente’. Se non continuare a lavorare, entro certi limiti, per continuare a garantire l’offerta. Ma non a qualsiasi prezzo! Quel che è certo è che - grazie alle relazioni intrecciate in questi mesi e all’esperienza maturata nelle trattative - continueremo ad insistere per tornare a riproporre il derby".

In molti hanno parlato di Billag, anche se sul tema specifico c'entra ben poco. Canetta però sa che qualcosa cambierà, se dovesse vincere il no: "C'è da chiedersi come potrà muoversi l'azienda in questa giungla se dovesse perdere la sua funzione di servizio pubblico".


© 2020 , All rights reserved