ULTIME NOTIZIE Politica
Politica
16.10.2017 - 14:300
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

Il PS e le Beltra-dimissioni, "basta dire che le abbiamo chieste con un secondo fine. Affidare l'asilo al DI? Ma se si è fatto infiltrare da fuorilegge che facevano uscire permessi falsi..."

Il Partito Socialista è stufo della "menzogna: vogliamo un passo indietro dal DASF finché non sarà fatta chiarezza su Argo 1. E non scordiamo lo scandalo permessi, che alcuni vorrebbero venga dimenticato sotto il tappeto... E su Argo, ricordiamo che..."

BELLINZONA - Il Partito Socialista non ne può più di sentir dire, soprattutto dalla Lega, che ha chiesto le dimissioni di Beltraminelli: vuole un passo indietro del pipisino dal DASF fino a quando sarà fatta chiarezza sul caso Argo 1. Non va giù poi il fatto che in via Monte Boglia credono che vi sia stato un secondo fine, ovvero riavere il DSS.

E lo precisa, dopo l'articolo del Mattino in cui si parlava, in modo anche ironico, di scambiare i Dipartimenti (vedi suggeriti), attraverso il suo profilo Facebook.

"Anche ieri è stata ripetuta la menzogna (per non dire peggio) secondo cui avremmo chiesto le dimissioni di Paolo Beltraminelli per dei secondi fini. Ai paladini della civica (con riferimento, ovviamente, a chi ha sostenuto l'ormai famosa iniziativa, approvata alle urne, ndr) va ricordato che basta sapere leggere qualche riga e non deformarla per capire che abbiamo chiesto un 'passo indietro fino alla fine della faccenda'. Riportiamo quanto abbiamo richiesto lo scorso 2 ottobre: Il Partito Socialista ritiene che il direttore del DSS Paolo Beltraminelli non possa continuare a dirigere la Divisione dell’azione sociale e delle famiglie (DASF) fino a quando l’insieme dei fatti e dei quesiti aperti riguardo al caso ‘Argo 1’ non sarà definitivamente chiarito", si legge.

Poi parte un attacco. "Detto questo, ricordiamo a chi vorrebbe spostare l'USSI nel Dipartimento delle Istituzioni, che quest'ultimo s'è fatto infiltrare da una rete di fuorilegge che faceva uscire dal dipartimento dei permessi falsi. Uno scandalo che alcuni vorrebbero venga dimenticato sotto il tappeto...". Insomma, non scordiamo, sottintende il PS, che nei mesi scorsi un altro caso aveva agitato le acque della politica ticinese...

Infine, "sullo scandalo Argo 1, ricordiamo che abbiamo chiesto l'inchiesta amministrativa lo scorso marzo, che abbiamo affermato che il "caso non era chiuso" prima dell'estate mentre altri partiti dicevano il contrario o ci invitavano a "stare zitti". Ricordiamo anche che abbiamo ribadito l'importanza di aprire una CPI mentre altri partiti tirano il freno a mano". 


Potrebbe interessarti anche
© 2021 , All rights reserved