Svizzera
08.12.2017 - 17:500
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:43

Dal 1° luglio sarà... 9 febbraio. La soglia è fissata all'8%, poi scenderà al 5%

Il Consiglio Federale ha deciso che la legge di applicazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, che prevede l'annuncio dei posti vacanti nei settori con più disoccupazione, entri in vigore il primo luglio 2018

1 anno fa Chiesa all'attacco, dal sabotaggio del 9 febbraio, "col Consiglio Federale forse complice della manovra subdola" a Prima i nostri, "dove rimane una flebile speranza"
1 anno fa Le nere previsioni di Bühler, "col 9 febbraio è stato un tradimento e con Prima i nostri non andrà diversamente"
1 anno fa Camera di commercio e AITI scrivono a PPD e PLR. "Prima i nostri è illegale, il 9 febbraio ha portato misure concrete: votate no!"
BERNA – Dal primo luglio sarà… 9 febbraio. O meglio, la legge che è scaturita dopo che l’iniziativa è stata accolta dal popolo nel 2014 e poi fatta oggetto di discussioni e polemiche in Parlamento.

Non ci saranno tetti massimi o contingenti, come voleva chi l’ha lanciata.

In ogni caso, il Consiglio Federale ha stabilito che dal primo luglio del 2018 si dovranno annunciare all’URC i posti vacanti nei settori che superano una determinata soglia di disoccupazione.

Essa è stata fissata all’8% sino al 2020, poi scenderà al 5%. Il Governo ha spiegato, in tal senso, di aver tenuto conto dei pareri diversi dei vari Cantoni ed anche delle associazioni dei datori di lavoro, cercando di accontentare tutti.
1 anno fa "Un 9 febbraio bis che va contro il principio di "Prima i nostri". Chiesa e l'UDC sull'emendamento Fonio-Jelmini, "sarebbe bastata una parola in più"
1 anno fa Sorpresa! Il 9 febbraio "light" piace agli svizzeri, soprattutto ai ticinesi
Potrebbe interessarti anche
Tags
luglio
poi scenderà
febbraio
soglia
primo luglio
© 2018 , All rights reserved