Media
18.05.2018 - 12:200
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:43

L'omaggio dei 'rivali'. Pontiggia rimpiange la voce cattolica, Caratti riflette sui tempi moderni dei media

Fra colleghi alla fine ci si conosce tutti, ci si vede a conferenze stampe e eventi, ci si rubano gli "scoop", ma a tutti dispiace quanto accaduto al Giornale del Popolo. Caratti: "non è un caso che anche i partiti abbiano espresso solidarietà: negli ultimi 20-30 anni hanno visto spegnersi i loro megafoni"

1 anno fa Il saluto in bianco del Giornale del Popolo. Il Vescovo e la metafora dell'alpinista, poi la frase che scatena polemiche: "un piano sociale avrebbe messo la Diocesi in ginocchio"
1 anno fa Per i dipendenti del Giornale del Popolo niente piano sociale. "Un datore di lavoro etico come la Curia non può fare così". La direttrice chiede aiuto, "se volete bene al giornale fatevi avanti"
1 anno fa Che shock! Il Giornale del Popolo chiude, domani l'ultima edizione. Già depositati i bilanci in Pretura
BELLINZONA – Malgrado le rivalità, la voglia di accaparrarsi lettori in più, inevitabilmente a danno di altre testate, nessuno può gioire per la chiusura del Giornale del Popolo. Alla fine, il mondo del giornalismo, come molti altri, è piccolo: ci si conosce tutti, ci si è incontrati alle conferenze stampa, negli stadi, sui luoghi degli accadimenti, ci si “rubati” scoop, qualche volta ci si è anche aiutati. Si conoscono quasi tutti i volti dei colleghi, altri solo per nome, però il dispiacere la fa da padrone.

E lo confermano anche gli editoriali di Matteo Caratti su La Regione e di Fabio Pontiggia sul Corriere del Ticino, che parla della visione cattolica che veniva riportata dal GdP.

Caratti, oltre a esprimere il dispiacere, riflette sul momento vissuto dalla stampa, non solo in Ticino. “Non è un caso che nelle redazioni siano giunte reazioni di stupore e solidarietà anche da parte dei diversi gruppi politici. Partiti che negli ultimi 20-30 anni hanno visto pure loro spegnersi gloriosi megafoni per lasciare spazio a settimanali e mensili che vengono a qualche tempo abbinati a moderne forme di comunicazione attraverso i social”. Insomma, segni dei tempi che cambiano, “che hanno finito per favorire le testate indipendenti e chi è in grado di muoversi bene in rete e sul fronte dell’online e dei social”.
1 anno fa La politica invoca soluzioni per i dipendenti. Ma non mancano le critiche, da Foa e le sinergie a ATG e Lombardi: "si sono fidati troppo di Publicitas". Intanto Amici della RSI...
1 anno fa Il dispiacere del Vescovo, "capisco i sentimenti dei collaboratori. Non potevamo garantire un piano sociale. La collaborazione?. Il Corriere del Ticino non era un benefattore incondizionato"
Potrebbe interessarti anche
Tags
caratti
tempi
© 2019 , All rights reserved